Lavori eseguiti sul sentiero 164 che da Riola porta ad Affrico e alla Torre di Nerone
Dobbiamo ringraziare Antonio che, con grande impegno, ha sistemato e reso percorribile il bellissimo sentiero 164 che da Riola porta alla Torre di Nerone (innesto con il sentiero 166) attraversando le borgate medievali di Palazzo e Castellaccio d'Affrico. Anche il tratto tra queste due ultime località, prima completamente invaso dai rovi, ora è percorribile senza difficoltà

Documentazione fotografica

 

attenzione2Sentiero 155 interrotto tra Campeda e Le Casette

Ci è pervenuta segnalazione che tra Campeda e Le Casette, in corrispondenza del Fosso della Poranceta, una grossa e profonda frana ha portato via un tratto del sentiero 155 creando una profonda voragine di 4-5 metri. In quel punto è impossibile proseguire e le alternative spontanee e improvvisate per superare l'ostacolo possono rivelarsi estremamente pericolose. È pertanto caldamente sconsigliato percorrere il sentiero 155 da Campeda a Le Casette in salita e anche in discesa. 

Il sentiero 167B da Casa Mucci a Castel di Casio è di nuovo percorribile
Ero diventato una foresta vergine e oggi sono di nuovo un sentiero.
C'è voluto l'entusiasmo di Gabriele, aiutato da Antonio, Maurizio e Mauro, per riportare in vita il sentiero CAI 167B, il percorso escursionistico che dal crinale tra la Limentra di Treppio e il Reno scende a Castel di Casio attraversando, nell'ordine, i caratteristici borghi di Malpasso, Marzolara, Casa Mucci e Ospedale.   

Vi invito a farmi visita per ammirare la bellezza della valle che mi circonda!

Sono state rispettate tutte le precauzioni di distanziamento tra le persone e utilizzati, dove necessario, i dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine e disinfettante).

Documentazione fotografica

 

Rimesso a nuovo il sentiero 166 dall'Abetaia a Pietracolora
Ci sono voluti più giorni di lavoro e l'impegno dei soci Antonio, Franco B. e Franco S, Mauro, Romana e Renzo, per ripulire il bel sentiero 166 che da Pietracolora conduce all'Abetaia passando per "Le Sassane", un luogo particolarmente suggestivo per la sue caratteristiche falesie di arenaria che dominano la piccola valle del torrente Marano.

Sono state rispettate tutte le precauzioni di distanziamento tra le persone e utilizzati, dove necessario, i dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine e disinfettante).

Documentazione fotografica

 

 

Manutenzione sentiero 103 dalla Serra di Borgo Capanne alla Croce del Cigno sul Monte di Granaglione
Nelle giornate 25 e 27 giugno 2020 i "sentieristi" della sezione CAI di Porretta Terme hanno rimesso a nuovo il sentiero 103 nel tratto compreso tra la Serra di Borgo Capanne e la Croce del Cigno sul Monte di Granaglione. Il sentiero versava da alcuni anni in stato di forte degrado, a causa di eventi climatici avversi e per scarsa manutenzione dei boschi. 

La giornata si è conclusa in allegria con un sostanzioso spuntino offerto dal CAI, annaffiato con dell'ottimo vino generosamente portato da alcuni partecipanti.   

Sono state rispettate tutte le precauzioni di distanziamento tra le persone e utilizzati, dove necessario, i dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine e disinfettante).

Documentazione fotografica