APERTO UN NUOVO SENTIERO CAI A LUSTROLA

Tanta passione e tanto amore per il territorio hanno spinto un gruppo di soci CAI (Antonio, Romana, Franco B., Franco S., Mauro e Renzo) a dedicare tempo e fatica per aprire un nuovo sentiero che dal percorso CAI 131A (Mulattiera Granaglione) sale all'abitato di Lustrola.

Questo nuovo sentiero, denominato 131B, è stato realizzato nell'ambito dei festeggiamenti "Lustrola Millennium" e consente di percorrere escursioni ad anello nel territorio tra Lustrola e Granaglione, grazie anche al contestuale prolungamento da Lustrola a Granaglione del sentiero 103A (quello che collega Lustrola al sentiero 103 in località Tre Querce).

Il sentiero sarà inaugurato Venerdì 13 Agosto 2021 con l'ESCURSIONE DEL MILLENNIO LUSTROLESE - Sulle tracce dei pellegrini e dei briganti.   

Documentazione fotografica

 

 

I cantonieri del CAI sulla Via Francesca della Sambuca
Con due giornate di duro lavoro i "cantonieri" del CAI, supportati dall'amico Dino Borgognoni, hanno rimesso in piedi due muretti a secco crollati sul percorso CAI 159 "Via Francesca della Sambuca" in località Cavanna. Altri muretti stanno purtroppo crollando poco a nord di Sambuca Castello, complici l'abbandono, l'incuria degli uomini e di chi dovrebbe avere a cuore il nostro territorio. Urge ripristinarli prima che collassino definitivamente, pregiudicando il passaggio su un percorso storico, ricco di fascino che si perde nella notte dei tempi.

Il CAI Alto Appennino Bolognese di Porretta Terme e l'Associazione Le Limentre fanno quello che possono per mantenere fruibile il percorso, ma con le sole nostre forze non riusciamo a colmare i danni causati dal dissesto idrogelogico e dall'incuria che, anno dopo anno, fanno collassare il nostro prezioso Appennino.

Siamo comunque orgogliosi del nostro piccolo tassello, inserito in puzzle, che deve essere l'inizio della riscoperta e della rinascita del nostro territorio.

Altri volontari dell'associazione Le Limentre hanno decespugliato e sistemato il sentiero tra Bellavalle e San Pellegrino. Un altro gruppo di volontari ha sistemato la mulattiera da San Pellegrino a Stabiazzoni. 

La giornata si è conclusa in allegria con un sostanzioso spuntino offerto dall'associazione Le Limentere.

Sono state rispettate tutte le precauzioni di distanziamento tra le persone e utilizzati, dove necessario, i dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine e disinfettante).

Documentazione fotografica

 

 

Lavori eseguiti sul sentiero 164 che da Riola porta ad Affrico e alla Torre di Nerone
Dobbiamo ringraziare Antonio che, con grande impegno, ha sistemato e reso percorribile il bellissimo sentiero 164 che da Riola porta alla Torre di Nerone (innesto con il sentiero 166) attraversando le borgate medievali di Palazzo e Castellaccio d'Affrico. Anche il tratto tra queste due ultime località, prima completamente invaso dai rovi, ora è percorribile senza difficoltà

Documentazione fotografica

 

attenzione2Sentiero 155 interrotto tra Campeda e Le Casette

Ci è pervenuta segnalazione che tra Campeda e Le Casette, in corrispondenza del Fosso della Poranceta, una grossa e profonda frana ha portato via un tratto del sentiero 155 creando una profonda voragine di 4-5 metri. In quel punto è impossibile proseguire e le alternative spontanee e improvvisate per superare l'ostacolo possono rivelarsi estremamente pericolose. È pertanto caldamente sconsigliato percorrere il sentiero 155 da Campeda a Le Casette in salita e anche in discesa. 

 

Il sentiero 167B da Casa Mucci a Castel di Casio è di nuovo percorribile
Ero diventato una foresta vergine e oggi sono di nuovo un sentiero.
C'è voluto l'entusiasmo di Gabriele, aiutato da Antonio, Maurizio e Mauro, per riportare in vita il sentiero CAI 167B, il percorso escursionistico che dal crinale tra la Limentra di Treppio e il Reno scende a Castel di Casio attraversando, nell'ordine, i caratteristici borghi di Malpasso, Marzolara, Casa Mucci e Ospedale.   

Vi invito a farmi visita per ammirare la bellezza della valle che mi circonda!

Sono state rispettate tutte le precauzioni di distanziamento tra le persone e utilizzati, dove necessario, i dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine e disinfettante).

Documentazione fotografica