Capanna sociale La Lorenza

REGOLAMENTO D’USO

Art. 1 - Accesso alla Capanna

La capanna La Lorenza non è un rifugio bensì una struttura ad uso privato condotta dalla Sezione Alto Appennino Bolognese di Porretta Terme del Club Alpino Italiano.

L'uso di tale capanna è riservato ai soli soci C.A.I. di tutto il territorio nazionale in regola con il pagamento delle quote sociali annuali. I soci C.A.I. che non sono in regola con il pagamento delle suddette quote Sociali annuali non possono richiedere l'uso personale della capanna.

Ogni socio può richiedere l'uso della capanna per se e per altre persone da lui accompagnate, per un numero massimo di ospiti pari a 10 per l'uso diurno e 4 per l'uso notturno.

Gli ospiti non potranno soggiornare nella capanna per un periodo superiore a giorni 3 e notti 2; tale termine può essere prorogato dal presidente della Sezione nel caso in cui per quel periodo non vi siano altre richieste d'uso da parte di altri soci.

I soci che intendano usufruire della capanna devono farne personalmente richiesta al Presidente della Sezione C.A.I. A.A.B. di Porretta Terme (vedi art.3).

La sosta nella capanna è ammessa a tutti i soci di passaggio, qualora quest'ultima sia in quel momento occupata da altri soci, fino al raggiungimento del numero massimo di ospiti precedentemente fissato.

Il Presidente della Sezione ha la facoltà di negare l'uso della capanna ai soci in qualsiasi momento o periodo dell'anno.

In casi di particolare emergenza l'accesso alla capanna è ammesso a chiunque.

La capanna Lorenza è accessibile ai soci durante tutto l'anno.

Art. 2 - Uso della Capanna e delle attrezzature in dotazione

Il socio che ha avuto in uso la capanna ne è responsabile per sè e per le persone da lui accompagnate e per tutto il periodo di soggiorno; durante tale periodo deve mantenere in ordine il locale, adoperare con diligenza le attrezzature e le suppellettili in dotazione alla capanna.

In caso di uso delle attrezzature è obbligo del socio provvedere alla loro pulizia ed al loro rimessaggio negli appositi mobili o spazi dedicati.

La capanna può essere dotata, dalla Sezione, di vivande per garantire l'alimentazione degli avventori solo in caso di effettiva emergenza.

Ogni ospite che intende soggiornare nella capanna è obbligato a consumare le vivande personali.

Al termine del soggiorno il socio deve assicurarsi di non lasciare condizioni di pericolo per i futuri avventori, e porre le capanna in condizioni tali che non subisca danni riconducibili a sue negligenze o comportamenti.

E' d'obbligo degli ospiti della capanna riportare a valle i rifiuti del proprio soggiorno; è altresì tassativamente vietato lasciare nella capanna qualsiasi rifiuto o prodotto anche commestibile parzialmente consumato od in integra confezione.

E' ammesso l'uso della stufa sia per il riscaldamento del locale sia per la preparazione delle vivande; è naturalmente ammesso l'uso del fornello a gas per la sola preparazione delle vivande.

Non è obbligo, della Sezione C.A.I. A.A.B. di Porretta Terme, garantire, all'interno della capanna, l'attrezzatura per il pernottamento delle persone; ogni ospite che intende pernottarvi deve provvedere alla propria attrezzatura personale.

E' assolutamente vietato l'uso delle provviste di legna presenti nella capanna per l'accensione di focolai esterni al locale e per la cottura dei cibi al di fuori della capanna.

E' assolutamente vietato il soggiorno diurno o notturno all'interno della capanna di eventuali animali al seguito degli ospiti.

Non sono inoltre ammessi comportamenti o atteggiamenti, da parte degli ospiti, in contrasto con la pubblica moralità o riconducibili a propaganda politica o commerciale.

Chi usufruisce della capanna La Lorenza è tenuto a contribuire con una offerta al mantenimento della stessa.

Art. 3 - Richiesta dell'uso della capanna

I soci che intendano usufruire della capanna devono farne personalmente richiesta al Presidente della Sezione C.A.I. A.A.B. di Porretta Terme, dichiarando le proprie generalità e comprovando la propria regolarità con le quote associative dell'anno in corso.

Il socio provvederà quindi a ritirare le chiavi della capanna presso il custode (Presidente della sezione o persona delegata dal Consiglio della Sezione) ed a restituirle al medesimo immediatamente dopo la conclusione del soggiorno.

Il socio richiedente l'uso della capanna è altresì responsabile della raccolta delle offerte degli eventuali altri ospiti e della loro consegna al custode.

All'atto della restituzione della chiave, egli compilerà una scheda sullo stato in cui ha trovato e lasciato la capanna.

Nel caso di rilevamenti di danni all'immobile o alle attrezzature, dovrà avvertire immediatamente il Presidente della Sezione.

Art. 4 - Ispezioni

Il Presidente o un socio della Sezione, delegato dal Consiglio, possono, in qualsiasi momento, compiere visite alla capanna per verificare lo stato dei luoghi e la corretta osservanza delle regole contenute nel presente regolamento.

Qualora il socio ospite, o un suo accompagnato, trasgredisse ad una qualsiasi delle presenti norme non gli verrà mai più concesso l'uso della capanna.

Art. 5 - Indicazioni per le offerte

Chi sosta nella capanna è tenuto a lasciare una offerta per il mantenimento del locale.

Il Consiglio della Sezione ha deliberato i seguenti valori minimi di riferimento per l'oblazione delle offerte destinate al mantenimento della capanna:

- uso diurno (compresa la cottura delle vivande)  soci € 5,00   non soci € 10,00

Nel caso in cui l'ospite utilizzi la capanna anche per il pernottamento dovrà versare la quota anche per il giorno successivo.

Art. 6 - Deroghe

Il Consiglio della Sezione Alto Appennino Bolognese del Club Alpino Italiano può in qualsiasi momento modificare il presente regolamento; inoltre in caso di particolari eventi o manifestazioni il Consiglio ha la facoltà di derogare dalle norme contenute nel presente regolamento.

In caso di emergenze è facoltà del Presidente della sezione derogare dalle norme contenute nel presente regolamento.


Approvato dal Consiglio Direttivo in data 24 Gennaio 2017

download


Scarica il regolamento in formato PDF