Cippo Emilioll sentiero di Emilio
Ieri 15 Giugno 2019  è stato dedicato a Emilio Gadaleta, socio del CAI Alto Appennino Bolognese di Porretta Terme, uno dei sentieri di Granaglione da lui più amati, il "Sentiero dell'Arsicciola" con segnavia CAI 197.
Nel corso della breve cerimonia, presenti amici e soci del Cai, è stato scoperto all'inizio del sentiero un cippo commemorativo opera di Attilio Nanni.
Emilio Gadaleta nativo di Molfetta, dopo una vita lavorativa, decise di stabilirsi a Granaglione dove divenne ben presto una figura di spicco. Emilio amava la montagna e come tale la curava e la rispettava, la sua passione lo portava ad una continua cura dei sentieri che da Granaglione salivano le erte balze sino al crinale.
Il Sentiero a lui dedicato è frutto della sua passione. Era il suo sentiero. Venne riaperto nel 2016; dal Campo sportivo di Granaglione sale al crinale e permette una visione area su tutta la valle. Questo sentiero e il sentiero 133, collegati per un breve tratto con il sentiero 103, formano un bellissimo percorso detto "Anello di Granaglione".

Documentazione fotografica

Pubblichiamo di seguito un breve scritto di Romano Mellini in ricordo di Emilio 

Caro Emilio
Dal giorno in cui venisti ad abitare a Granaglione “Sempre caro ti fu quest'ermo colle che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude”.
Ricordo il giorno in cui percorremmo insieme il sentiero dell'Arsicciola, che inizia dal campo sportivo di Granaglione e sale alla Piana del Monte. Si vedono i tetti del borgo sottostante, il campanile che s'innalza alla fine del paese e buona parte dell'alta valle del Reno. Ci siamo fermati un momento  “Sedendo e rimirando, interminati spazi, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete”. Oggi navighi in questi spazi e in questi silenzi e “Come il vento ti odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando e mi sovvien l'eterno”. Oggi, 15 giugno 2019, siamo presenti all'inaugurazione dell'intitolazione del sentiero Arsicciola a tuo nome tramite una meravigliosa e splendida opera scultorea di Attilio Nanni. Sono certo che con lo spirito sei presente come quel famoso giorno in cui insieme lo abbiamo percorso. Non mi resta che entrare con la fantasia in questi infiniti spazi ed in questi interminabili silenzi  e se, per caso, incontri Giacomo (Leopardi) salutalo anche da parte mia. Ciao Emilio. Sarai sempre nei nostri cuori.

 

Logo TransappIl CAI Alto Appennino Bolognese di Porretta Terme è socio dell'Associazione "TRANSAPP"
Sabato 24 marzo 2018 l'assemblea dei soci dell'Associazione "Transapp" ha accolto la nostra richiesta di adesione. L'Associazione "Transapp" si propone di promuovere, organizzare o sostenere ogni attività per la valorizzazione della ferrovia Porrettana e la promozione sociale e turistica del territorio montano Tosco-Emiliano attraversato, tra Pistoia e Bologna. L’intento è di recuperare, per quanto possibile, l’antica importante funzione di infrastruttura unitaria di collegamento tra l’area metropolitana Firenze Prato Pistoia e la Città Metropolitana di Bologna, con particolare attenzione per la Montagna Pistoiese e l’area dell’Alta Valle del Reno. I valori e gli obiettivi di "Transapp" sono anche nostri e con entusiasmo ci impegneremo per il fine comune.

 

BIDEcosa??? Conoscere il Bidecalogo del Club Alpino Italiano

Carissimi Soci, come forse sapete, il Bidecalogo contiene i criteri di autoregolamentazione che il CAI si è dato nei confronti dell’ambiente. Pertanto ognuno di noi, al momento dell’iscrizione o rinnovo al CAI, in qualche modo accetta quanto scritto nel bidecalogo. Ovviamente ciò non rappresenta un obbligo di legge, quanto piuttosto un obbligo morale, ma pensiamo che sia ugualmente importante che i soci, vecchi e nuovi, lo conoscano.

Qui puoi visualizzare e scaricare il volantino che la Commissione TAM regionale in accordo con il CAI Emilia Romagna ha prodotto per la diffusione del Bidecalogo tra i soci ---> pdf icon

Si segnala inoltre al seguente link https://www.youtube.com/watch?v=bp1_wgf3NvY un video video riassuntivo (10 minuti) dei concetti contenuti nel bidecalogo.

Stemma CAIPROFILO ONLINE - UNA NUOVA FUNZIONALITA' DEDICATA AI SOCI CAI
"Profilo OnLine" é una nuova funzionalità del sistema informativo del Club Alpino Italiano, espressamente dedicata ai Soci CAI. Tramite questa applicazione, per ora utilizzabile solo mediante pagine web, sarà possibile per i soci CAI maggiorenni gestire direttamente i  principali dati personali, come pure quelli degli eventuali minori del nucleo familiare, nonché le rispettive scelte relative alla normativa sulla privacy. Per accedere a questa nuova funzionalità basta collegarsi alla pagina web http://soci.cai.it e seguire le semplici istruzioni che troverete a questo link http://supporto.cai.it/documents/7. Per eventuali necessità di collaborazione nella fase di registrazione é possibile indirizzare eventuali richieste a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Questa iniziativa rappresenta una importante agevolazione a favore dei Soci. In futuro sarà anche possibile effettuare il rinnovo della tessera online.

CAI AutosoccorsoValanga Logo 120x123AUTOSOCCORSO IN VALANGA
Probabilità di sopravvivenza in caso di seppellimento totale
"Il soccorso ai travolti è una corsa contro il tempo! Nei primi 18 min. buona probabilità di sopravvivenza, in seguito rapida diminuzione."... recita così il primo paragrafo di un'utilissimo Flyer con le istruzioni di autosoccorso in caso di valanga pubblicato dal Club Alpino Italiano - Commissione Nazionale Scuole Alpinismo e Scialpinismo e Servizio Valanghe Italiano che puoi scaricare qui.
Scarica PDF Autosoccorso in Valanga (a colori) --->pdf icon  Scarica PDF Autosoccorso in Valanga (in B/N) --->pdf icon


GeoResQ 1 SmallDal 1° Gennaio 2017

Attivazione gratuita per tutti i Soci CAI del sistema GeoResQ
Da gennaio 2017 il servizio di geolocalizzazione e invio di richiesta di aiuto tramite smartphone è compresa nella quota associativa annuale CAI. Basta installare la APP e registrarsi per tenere traccia della propria escursione e chiedere soccorso alla centrale operativa 24 ore su 24. Per maggiori informazioni www.georesq.it.